Pelle Secca: Le Cause e i rimedi utili

0
209

La pelle viene definita secca quando la composizione delle cellule cutanee è carente di acqua e sostanze lipidiche, che rappresentano le componenti più coinvolte nel suo nutrimento.

Una pelle secca ha un aspetto fragile e sottile, con evidenti segni di disidratazione, è poco elastica e in alcuni casi può mostrare la tendenza a desquamarsi; anche il suo colore si modifica, perdendo la sfumatura rosata tipica di una pelle sana.

Una pelle di questo tipo risulta anche ipersensibile a tutte le stimolazioni esterne, in particolare quelle climatiche, come il caldo eccessivo, ma soprattutto il freddo molto intenso.

La principale conseguenza di tale situazione è quella dell’invecchiamento cutaneo secondo cui sulla superficie epidermica incominciano a comparire rughe d’espressione.

Questo disturbo non comporta soltanto problematiche di tipo estetico, ma anche funzionale dato che quando l’epidermide è disidratata non è in grado di svolgere al meglio le sue funzioni fisiologiche.

Cause della pelle secca

L’apparato tegumentario è formato da numerosi strati, dei quali il più superficiale è l’epidermide; se le cellule di questa zona cutanea contengono un’inadeguata quantità di acqua e di molecole lipidiche si instaurano processi di secchezza della pelle.

Quando il contenuto idro-lipidico della pelle è inferiore ai valori fisiologici di riferimento può insorgere un disturbo dermatologico chiamato “pelle alipidica”, le cui caratteristiche dipendono da un’alterazione del metabolismo cellulare.

In questo caso la causa principale è riconducibile ad un’insufficiente produzione di sebo, che è la principale componente grassa delle cellule cutanee.

I fattori scatenanti del disturbo sono innanzitutto di tipo climatico; infatti quando si verifica una diminuzione dell’umidità ambientale, si riduce anche la quantità di acqua a livello degli strati epidermici.

Un’altra causa predisponente riguarda l’esposizione ai raggi ultravioletti senza un’adeguata protezione, dato che questi agenti nocivi potenziano la sintesi di radicali liberi che sono tra i principali agenti dell’invecchiamento cutaneo.

L’età costituisce un fattore di grande rilevanza poiché con il passare del tempo, le cellule tendono naturalmente a disidratarsi e a diminuire lo spessore degli strati tegumentari.

Con buona probabilità esiste anche una predisposizione genetica che condiziona l’insorgenza del disturbo, anche se questa causa non è stata accertata con sicurezza.

Quando il film idro-lipidico della pelle subisce una diminuzione, un fattore coinvolto con certezza è quello dell’alimentazione; la dieta infatti gioca un ruolo di primaria importanza sul metabolismo lipidico cutaneo.

La carenza di vitamine (soprattutto la vitamina A), contenute in frutta e verdura, aumenta la probabilità di provocare secchezza cutanea.

Anche l’impiego di prodotti cosmetici aggressivi, contenenti elevate percentuali di alcol e privi di sostanze emollienti, contribuisce a seccare la pelle.

Alcune patologie possono causare un disturbo di questo genere, tra le altre quelle più frequenti sono la psoriasi, la dermatite seborroica, l’eczema atopico, alcune forme allergiche, e molte anomalie a carico dell’apparato endocrino (ipotiroidismo, morbo di Hashimoto) oltre che il diabete e l’insufficienza renale.

L’impiego di contraccettivi orali o anche di farmaci diuretici favoriscono una progressiva disidratazione epidermica.

Rimedi per la pelle secca

Per mantenere una pelle elastica, tonica e idratata è opportuno mangiare cibi ricchi di acidi grassi insaturi che, tra l’altro, combattono la presenza dei radicali liberi.

L’apporto idrico deve essere adeguato, con l’assunzione di almeno due litri di acqua (o bevande simili) nell’arco delle 24 ore.

Bisogna evitare di esporre la pelle a condizioni climatiche e ambientali che si rivelino aggressive, come eccessivi sbalzi di temperatura, vento, raggi UV, inquinamento atmosferico di vario genere.

La pelle deve essere mantenuta detersa e trattata con prodotti cosmetici di buona qualità, mai aggressivi e soprattutto rispettosi del pH cutaneo.

L’uso di cosmetici filmogeni, specifici per pelli secche, contribuisce efficacemente a nutrire le cellule cutanee.

Prima di coricarsi è necessario pulire il viso con un latte detergente delicato, avendo cura di sciacquare abbondantemente la pelle per consentirle di respirare durante la notte.

Molti dermatologi suggeriscono di lavare il viso con acqua oligominerale, soprattutto termale, per offrire alla pelle tutti gli elementi biologici di cui ha bisogno per mantenere un aspetto sano e vitale.

In alcuni casi possono essere indicati anche trattamenti di peeling con alfa-idrossiacidi, in grado di realizzare un delicato e benefico effetto scrub.

Nei locali chiusi, quando è possibile, sarebbe consigliabile fare impiego di umidificatori ambientali per consentire un’adeguata percentuale di vapore acqueo nelle stanze.

Secondo le più recenti linee guida sarebbe opportuno non eccedere nei lavaggi in quanto le cellule della pelle soffrono quando vengono sollecitate troppo da stimolazioni esterne.

Molto meglio effettuare una routine quotidiana di detergenza delicata utilizzando cosmetici naturali e biologici.

Views All Time
Views All Time
168
Views Today
Views Today
2

Commenta l

SHARE
Loading...