Montgomery: Caposaldo del British Style

0
242
montgomery-british-style (002)

Il british style è tornato alla grande in questa stagione autunno – inverno.

Ne sono testimonianza i completi da uomo con mocassino abbinato, le fantasie del pied – e – poule e Principe di Galles che hanno invaso ogni capo del vestiario maschile e femminile ma, soprattutto, lo è il grande ritorno del montgomery in questa stagione.

Montgomery, che prende il nome dall’omonimo generale Bernard Law Montgomery, comandante delle truppe alleate nello sbarco in Normandia, che amava sfoggiare il cappotto blu con alamari della marina militare inglese: il duffle coat. Anche se oggi il generale, più che per le vittorie militari o per le citazioni celebri (di cui la più ripetuta ed abusata: “Sono un uomo sbagliato, ma non un debole”), è famoso soprattutto per il soprabito sfoggiava sul campo di battaglia.

Ovviamente questo capo d’abbigliamento ne ha fatta di strada dalla battaglia di El Elamein ed ora che è tornato ad affollare le collezioni delle firme e maschi più famosi, può dare perfetto compimento all’uomo che in questo inverno vuole sfoggiare il pieno british style senza dover rinunciare alla propria, personalissima, interpretazione.

Il classico senza tempo

Se si pensa al montgomery classico, ovviamente non può che venire in mente Burberry, con l’iconica stampa nel revers del cappuccio e gli alamari in legno chiaro. Eppure anche Valentino e Dufflecoat hanno deciso, per questa stagione, di attenersi al modello più sobrio e classico della tradizione Montgomery. Céline è in questo campione di raffinatezza, con un chiaro richiamo agli anni sessanta, alamari in corda intrecciata e panno lana color antracite.

Il montgomery tecnico: accoppiata perfetta

Rinnovare e reinterpretare il montgomery, un capo che nasce per uomini d’azione e di mare, non può che significare renderlo un capo tecnico. Possiamo immaginare che se l’accoppiata lana – neoprene avesse dato un risultato tanto classico ed elegante come quello della versione di Baracuta anche ai tempi del generale Montgomery, la storia dello storico duffle coat sarebbe stata certamente diversa.

Allo stesso modo, anche Uniqlo e RRD cercano un compromesso fra la linea classica del montgomery e l’abbigliamento tecnico invernale. DIESEL rende questo capo un capospalla perfetto per la pesca d’altura nella sua versione di montgomery con ganci metallizzati a scomparsa.

Giocare con la forma, con il colore…

La reinterpretazione stilistica di un classico, una volta dato il la, non ha fine. Ne sono prova i capi di  Versace e Kent & Curwen che estendono anche al montgomery la tendenza color block di questo autunno – inverno, in cui non c’è un colore a prevalere: tutti sono validi purché siano sgargianti ed eccessivi. Ecco quindi nascere il cappotto in rosso carminio o il giallo canarino che ha attraversato le passerelle Versace.

Anche la forma cambia e diventa over size con Fumito Ganryu, seguendo la via già percorsa dai piumini e la moda della street culture, mentre Yohji Yamamoto inventa un capo del tutto nuovo, dalla fusione del cappotto dal taglio sartoriale con il nostro montgomery che sopravvive e appare appena riconoscibile negli alamari tanto rielaborati da non sembrare più sé stessi.

…. e con il tessuto!

Si è visto in tanti altri ambiti della moda maschile, in questa stagione autunno – inverno, ed il montgomery non poteva non cedere anch’esso all’espansione imperialista della pelle! Ecco quindi che l’iconico capo rifiorisce nelle collezioni di Berluti e N. 21 trasformandosi in un indumento underground in pelle nera.

Anche Armani gioca con il tessuto, proponendo una propria versione in felpa mentre per Herno il taglio montgomery può essere applicato anche al piumino.

Views All Time
Views All Time
224
Views Today
Views Today
1

Commenta l

SHARE
Loading...