Diventare genitori è veramente complesso: come diventare una supermamma

0
175
genitori

Diventare genitori è la sfida più grande a cui una coppia va incontro. Affrontarla significa mettere in discussione tutto il proprio modo di vivere. In che modo è meglio farlo? Sono tantissime le donne che, ogni giorno, si fanno domande in merito. Nelle prossime righe, abbiamo raccolto qualche consiglio per chi, come te, si pone interrogativi su questa tematica cruciale.

La supermamma non esiste

Come diventare una supermamma? Maturando la consapevolezza del fatto che le supermamme non esistono. Soprattutto negli ultimi anni, la maternità è stata accompagnata da una narrazione a dir poco edulcorata.

Da un lato, per fortuna, si parla sempre di più di depressione post partum. Dall’altro, invece, si insiste sul fatto di diventare madri parlando di questo cambiamento come di qualcosa di meraviglioso e idilliaco.

Alla luce di ciò, è fondamentale venire a patti con il fatto che la perfezione non esiste. Non esiste nella vita in generale e tanto meno quando si parla di maternità. Rincorrerla fa solo male. Nonostante questo, esistono comunque dei consigli pratici utili per vivere nel migliore dei modi questo momento speciale.

Una dritta molto utile da tenere presente è legata alla fiducia. Diventare madri è difficile, ma non bisogna dimenticare il fatto di avere in sé tantissime risorse. Si può valutare la scelta di seguire un percorso di crescita personale con un coach. Un’altra alternativa prevede il fatto di utilizzare le risorse presenti sul web. Ci sono numerosi video, così come tantissimi blog a tema. Puoi leggere gli articoli di crescita personale per capire come poter avere più fiducia in te stessa e nelle cose che fai.

Chiedi aiuto

Come sopra accennato, viviamo in una società eccessivamente proiettata verso la perfezione. Per questo motivo, molto spesso risulta difficile chiedere aiuto. Bene, quando si diventa mamme non bisogna assolutamente lasciarsi dominare da questa paura.

La perfezione, ribadiamo, non esiste. Farsi aiutare nel difficile percorso che è la crescita di un figlio è una scelta che può dare una svolta alla propria quotidianità.

Non dimenticare di essere prima di tutto una donna

Diventare madri non vuol dire dimenticarsi di essere donne. Anche se i primi tempi dopo la nascita del bambino sono tutto tranne che facile, è essenziale non trascurarsi dal punto di vista fisico. Anche se si rimane in casa per tutto il giorno, è meglio evitare di passare tutta la giornata in pigiama.

Anche solo cambiarsi e regalarsi qualche momento davanti allo specchio per stendere un filo del proprio cosmetico preferito va bene. Non bisogna infatti dimenticare che una donna che non si dimentica di se stessa ha molte carte in più a suo favore nel difficile periodo che è l’inizio dell’esperienza di madre.

Condividi impegni, dubbi e impressioni con il tuo partner

I figli si fanno in due: se vuoi vivere in maniera più serena il periodo iniziale della maternità, condividi con il tuo partner quello che senti. Confrontatevi su ogni più piccolo punto della quotidianità del piccolo e ascoltatevi a vicenda (anche il padre ha bisogno di conforto all’inizio dell’esperienza genitoriale).

Non entrare in crisi per eventuali critiche

Uno degli aspetti più ostici del primo periodo della maternità è legato al fatto di essere spesso bersaglio di critiche da parte di persone più o meno conosciute. Queste circostanze possono demotivare fortemente la donna in un periodo fragile come il post partum, portandola a mettersi eccessivamente in discussione.

Fondamentale è fare orecchie da mercante e rendersi conto di essere, assieme al pediatra e agli altri medici che seguono la crescita del bambino, l’unica persona avente il diritto di dire cosa va bene e cosa invece è meglio fare in maniera differente.

Views All Time
Views All Time
153
Views Today
Views Today
2

Commenta l

SHARE
Loading...