Corte europea: “Il sesso è importante anche dopo i 50 anni”

0
1315

Il sesso è importante anche per le donne che superato i 50 anni. E’ quanto ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo,  condannando il Portogallo per discriminazione sessuale ai danni di una donna.

Ridotto il risarcimento per sopraggiunti limiti di età

La signora, racconta il ‘Guardian”, aveva avanzato ricorso alla giustizia del proprio Paese, dopo un intervento ginecologico che, oggi, le impedisce di avere una normale vita sessuale. Preso atto della sua età – 50 anni – i giudici hanno ridotto il risarcimento, a un terzo, dovuto. Secondo la sentenza, l’importanza del sesso, una volta superati i 50 anni, calerebbe.

La prima causa, andata alla donna, ribaltata in appello

I medici sono stati accusati di negligenza per l’intervento, risalente al 1995. Da quel momento in poi la donna, sposata con due bambini, non avrebbe più avuto una vita sessuale normale. In primo grado aveva vinto la causa: riconosciuto dalla Corte il dirtto al risarcimento, per danni fisici e psicologici. Ma nel 2013 l’ospedale è riuscito a spuntarla in sede d’appello. E ridurre pertanto la somma spettante alla Morais ad un terzo. Decisione spiegata dai magistrati di Lisbona (due uomini e una donna, tutti over 50), che hanno ritenuto il sesso non più così importante data l’età.

Corte europea: “I pregiudizi prevalgono in Portogallo”

Il verdetto ha sollevato un polverone di polemiche. E la Corte europea dei diritti dell’uomo si è pronunciata in favore della Morais. Secondo l’organo internazionale, i giudici portoghesi avrebbero tratto delle conclusioni basandosi su pregiudizi, che il sesso abbia valore solo fino ad una certo punto della vita. La decisione della corte portoghese “ha ignorato l’importanza fisica e psicologica della sessualità nell’autorealizzazione di una donna e nelle altre dimensioni della sessualità femminile”, ha dichiarato la Corte europea, con una sentenza a favore della querelante, sostenuta da 5 pareri positivi e 2 negativi. Opinione della Corte europea che i pregiudizi hanno la meglio sul giudizio in Portogallo.

Stabilito il risarcimento intero alla Morais

Su questi presupposti la corte di Strasburgo ha imposto il risarcimento intero del Portogallo alla Morais: 3250 euro di danni, più 2.460 euro di spese processuali. Nello stesso Paese erano stati giudicati, nel 2008 e nel 2014, i casi di due uomini. Che, dopo un intervento chirurgico, non avevano più avuto una vita sessuale normale. In queta circostanza i giudici avevano definito gli effetti come “tremendi”, a prescindere da età e status familiare.

Views All Time
Views All Time
505
Views Today
Views Today
1

Commenta l

SHARE
Loading...